il vento era una sciarpa
l'aiutai a rimettersi la scarpa
lieve follia aerea
un'astronave la terrazza
Dio quanto dice e' buffa e pazza
ci urtammo verso la finestra
e lei veniva dalla destra

fiutai che notte era
una notte bucaniera
la calza rotta
seguiro' la rotta della calza
sento la curva delle coscie
mollo l'ancora e le angosce

navigando il mare
navigando il cielo
navigando il cuore
io e te
chissa' se questo cuore
e' abbastanza grande e comodo per due

navigando sulla luna
che lasciammo in alto
soldo di fortuna a girar su'
con la sua faccia a smalto
dalla parte quella buona cadde giu'

nell'aria lenta e blues
ride a sbuffo come un autobus
versa parole nel mio orecchio
e un vino dolce esca
io dentro una camicia fresca
duro' fino al mattino presto
il sequestro del maestro

e tra le nostre dita
una strana calamita
e mi scavava dentro i desideri
quella talpa
dimmi la volta che si salpa
un di la barca rivernicio
mi piazzo sotto a quel tuo ufficio

navigando il mare
navigando il cielo
navigando il cuore
io e te
chissa' se questo cuore
e' abbastanza grande e comodo per due

navigando sulle onde
dalla pelle d'oro
lei che mi confonde poppa e prua
dov'e' la mappa del tesoro
per cercare un'isola la tua
e navigando naufrago su te

tra capelli indiani labbra arabe
occhi venezuelani gambe andaluse
piedi africani seni tahitiani
fianchi tropicali caviglie zingare
sopracciglia orientali sbarco in Normandia

navigando il mare navigando il cielo
navigando il cuore io e te chissa' se questo cuore
e' abbastanza grande e comodo per due

navigando alla deriva vento di bonaccia
guardo nella stiva cosa c'e'
una lattina vuota tra le braccia
bella e primitiva insieme a te
io sono stato Ulisse Simbad Gilgamesh

restai solo a bordo
come un lupo nella tana
cupo e sempre piu' balordo
e neanche un'isola italiana
dalla bocca rossa
gli occhi verdi
e i denti bianchi
per riposarsi almeno un po'
quando ci si sente stanchi

Enviar Tradução Adicionar à playlist Tamanho Cifra Imprimir Corrigir