Sulle spiagge di Settembre c'è la solita agonia
degli amori di ricambio che domani vanno via
annoiati come cozze siamo razza di città
ci si sveglia a mezzanotte e poi dopo che si fa...
è il cielo della vergine che passa su di noi
un sogno metafisico non essere chi sei...
e invece siamo radioattività
disoccupati avanzi di licei
cresciuti alla filosofia del bar...
non essere chi sei...oh no...non essere chi sei
che faremo nella vita anche niente perché no
siamo barche arrovesciate le scintille di un falò
diventiamo due disegni e buttiamoci in un film
baste credere nei sogni nelle stelle messe lì
nel cielo della Vergine che passa su di noi
l'amore non è un obbligo lo sai non farlo se non vuoi
saremo due dolcissimi robot
compagni di una tenera odissea
invece del brutale elettroshock
di una scopata e via che poi tu non saresti mia
è il cielo della vergine...che passa su di noi
la luna stroboscopica...che incanta i marinai
è la costellazione dell'addio
la Vergine che passa su di noi
balliamoci la vita amore mio domani non ci sei
con me domani non ci sei
è il cielo della Vergine che passa su di noi
la luna stroboscopica che incanta i marinai
è il cielo della Vergine che passa su di noi
un sogno metafisico non essere chi sei...

Enviar Tradução Adicionar à playlist Tamanho Cifra Imprimir Corrigir
Composição: Giampiero Bigazzi / Marco Masini · Esse não é o compositor? Nos avise.
Enviada por Marcelo
Viu algum erro na letra? Envie sua correção.